Corporate

Finestre in legno, in alluminio e in PVC? Come invecchiano i diversi materiali

Negli ultimi anni si è diffusa l’idea che le finestre in alluminio o in PVC siano più resistenti delle finestre in legno: ma questo mito ha delle vere basi di realtà? Come invecchiano i diversi materiali? E per quanto riguarda la manutenzione? Come spesso accade, le cose non stanno proprio così come si pensa e anzi, spesso il legno dura di più e meglio.

time

SHARE THIS ARTICLE

Finestre in legno, in alluminio e in PVC: come invecchiano i diversi materiali

Quella che a prima vista può sembrare una scelta moderna, in qualche modo tecnologica e quindi destinata a durare nel tempo può in realtà nascondere delle problematiche che si manifestano solo con il passare del tempo. Come si comportano finestre in legno

Quando ci accingiamo a comprare un infisso di certo non pensiamo di cambiarlo dopo pochi anni: si tratta di un investimento spesso importante sia per l’impegno che richiede sia dal punto di vista economico e desideriamo dunque che sia bello, funzionale e resistente per accompagnare, stagione dopo stagione, la vita di una casa, un ufficio, un hotel o qualsiasi altro luogo. Negli ultimi anni proprio a questo proposito si è diffusa l’idea che le finestre in PVC o in alluminio siano più versatili e durature delle finestre in legno. Ma è vero o è solo un mito? Come invecchiano i diversi materiali?

Se provaste ad esporre finestre in legno o in altri materiali agli agenti atmosferici per diversi anni, vi accorgereste che il PVC e anche l’alluminio tendono a ingiallire, mentre il legno si rovina solo nella parte superficiale e – a differenza degli altri materiali – può essere facilmente recuperato con trattamenti specifici.

Lo stesso comportamento può essere verificato anche nel corso di appositi test – che abbiamo svolto anche in prima persona – che simulano in poco tempo proprio il passaggio di diversi anni: ecco dunque che non solo le finestre in legno, anche in assenza di qualsivoglia manutenzione, dimostrano di battere gli altri materiali e il PVC in particolare sul lungo periodo, ma ha anche la possibilità di essere efficacemente recuperata nelle parti in cui si è rovinata. Il PVC, invece, ingiallendo o scolorendosi negli anni deve essere sostituito: se infatti qualcosa si può tentare di fare per l’alluminio, lo stesso non si può dire per il PVC, che non può essere né trattato né riparato in caso di danneggiamenti.

Manutenzione e possibilità di riparazione delle finestre in legno e in altri materiali

Se la durata nel tempo è dunque a favore delle finestre in legno, come cambiano le cose quando parliamo di manutenzione e di possibilità di riparazione? Anche in questo caso, come si comportano i diversi materiali?

Abbiamo visto come, avendo come punto fermo di partenza la qualità del serramento, le finestre in legno sulla lunga distanza si rivelino più affidabili rispetto ai corrispettivi in PVC o anche in alluminio. Quando compiamo una scelta di questo genere, però, sul piatto della bilancia non c’è solo la durata di vita del serramento, ma anche la quantità di impegno che richiede nel corso dell’anno per essere mantenuto in buone condizioni.

Se è vero che PVC e alluminio non richiedono nessuna manutenzione, è altrettanto vero che le finestre in legno di nuova generazione, trattate con vernici all’acqua, hanno bisogno di attenzioni davvero minime: è sufficiente trattarle due volte all’anno con un tonificante – operazione semplicissima che può essere svolta da chiunque – e saranno sempre come nuove.

Anche per quanto riguarda le possibilità di riparazione le finestre in legno consentono interventi impensabili sugli altri materiali: una finestra in PVC, ad esempio, se si rompe, si scheggia, si segna, cambia colore o qualsiasi altra cosa deve per forza essere sostituita (il che richiede spesso anche opere murarie), mentre una finestra in legno può essere tranquillamente riparata e restaurata.

Finestre in legno: la capacità di invecchiare con stile

Durata, funzionalità, manutenzione, ma anche bellezza: nessun serramento batte sul piano estetico le finestre in legno, in grado di adattarsi al meglio a ogni ambiente e di affrontare a testa alta la sfida del tempo

Quando parliamo di serramenti funzionalità, durata e manutenzione sono solo tre fattori di un’equazione che ne comprende anche un quarto, di fondamentale importanza: la bellezza. E in questo caso, non serve n neanche dirlo, le finestre in legno hanno senza dubbio una marcia in più: basti vedere come anche i serramenti in PVC e in alluminio vengano venduti spesso con finiture che ricordino, almeno alla vista e almeno a una certa distanza, quelle del legno per capire come si tratti di un materiale che non perde mai il suo fascino.

Solo il legno è infatti in grado di invecchiare davvero con stile: si tratta di un materiale vivo, versatile in quanto sa adattarsi tanto agli stili più classici quanto a quelli più moderni o addirittura futuristici, di grande bellezza sia alla vista sia al tatto, che con il tempo assume una personalità tutta sua, che rispecchia quella dell’ambiente in cui si trova, conferendogli ulteriore valore aggiunto.